Tu sei qui: Portale Italiano Progetti INIZIATIVA DI SOSTEGNO PSICOSOCIALE ED EDUCATIVO A TUTELA DEI GRUPPI VULNERABILI DELLA STRISCIA DI GAZA
Strumenti personali

INIZIATIVA DI SOSTEGNO PSICOSOCIALE ED EDUCATIVO A TUTELA DEI GRUPPI VULNERABILI DELLA STRISCIA DI GAZA

Paese: Palestina
Finanziatore: COOPERAZIONE ITALIANA - PROGRAMMA EMERGENZA AID 9775
Data Inizio: GIUGNO 2012
Durata: 6 MESI
Settore: BAMBINI E ADOLESCENTI, ISTRUZIONE, GENERE
Beneficiari: 416 MINORI E 250 DONNE
Partner: EL WEDAD SOCIETY FOR COMMUNITY REHABILITATION
In Corso: No

Il progetto rappresenta una seconda fase dell'intervento "Iniziativa di sostegno psicosociale ed educativo a tutela dei gruppi vulnerabili della striscia di Gaza" conclusosi dicembre 2011.

Dare assistenza psico-educativa ai bambini, agli adolescenti e alle loro famiglie e creare opportunità di lavoro per le donne in sette aree della Striscia di Gaza, questi sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere realizzando le seguenti attività:

1. Inconti di formazione sull’approccio educativo e sul sostegno psicosociale rivolto ad animatori e psicologi

2. Attività ludiche per bambini dagli 8 ai 12 anni di età
- creazione di ludoteche
- laboratori
- incontri madri-figli sul supporto psicologico
- incontri con il LudoBus.

Inizialmente i laboratori permetteranno ai bambini di allestire le tre ludoteche, utilizzando tecniche di cromoterapia (i bambini sceglierenno i colori con i quali dipingere tenendo conto delle loro caratteristiche intrinseche ed effetti terapeutici), arte terapia (i bambini decorerenno gli spazi valorizzando la propria naturale creatività) e ludoterapia (le ludoteche verranno allestite con semplici giocattoli tradizionali realizzati dai bambini con la guida degli animatori e con materiali di scarto).
Questa fase porterà i bambini a sentire lo spazio dalla ludoteca come proprio “patrimonio” e come luogo creato da essi stessi. Successivamente saranno realizzati dei laboratori basati sulla drammaterapia (centrata sull’utilizzo del Teatro dell’oppresso e del teatro forum). I bambini saranno guidati nel mettere in scena delle situazioni legate alla vita quotidiana. Alternandosi, poi, nell’interpretazione delle diverse parti, ciascuno avrà l’opportunità di impersonare una parte che solitamente, nella propria vita quotidiana, non gli appartiene.

Verrà organizzata un'attività che coinvolgerà le tre ONG italiane (CISS, EDUCAID e Vento di Terra): tre eventi rivolti ai bambini con l’impiego del Ludobus durante i quali gli operatori provenienti da diverse aree e ludoteche collaboreranno nell'organizzazione di laboratori di animazione.

3. Assistenza psicosociale per i giovani dagli 8 ai 17 anni e per le loro famiglie
- visite a domicilio di sostegno psicologico tramite la clinica mobile
- incontri di supervisione sul lavoro della clinica mobile dal Gruppo Nazionale di Psichiatria sulla violenza e il trauma
- assistenza del team della clinica mobile da parte di un’esperta neuropsichiatra infantile italiana.

4. Corsi di alfabetizzazione per le donne

6. Incontro di sensibilizzazione rivolto alle comunità e agli operatori sociali
Verrà creato e pubblicato un manuale che raccoglierà gli strumenti educativi risultanti dallo scambio di pratiche tra gli operatori. Il manuale sarà presentato agli operatori di altri centri con l'obiettivo di condividere le buone pratiche nell’ambito della protezione dell’infanzia.

7. Sportello di ascolto e orientamento per le donne

8. Sostegno dei laboratori di sartoria rivolte alle donne

I laboratori sono attivi nel campo rifugiati di Jabalya, a nord della Striscia, presso la Palestinian Medical Relief Society, e nel campo rifugiati di Al Maghazi, nell’area centrale della Striscia, presso il Women Activity Center dell’UNRWA, e danno piccole opportunità di reddito alle donne che ci lavorano. Tuttavia a causa della debolezza del mercato della Striscia di Gaza e della concorrenza a prezzi ridotti dei prodotti di abbigliamento che entrano attraverso i tunnel al confine con l'Egitto, tali redditi non sono soddisfacenti. Il progetto prevede dunque delle attività di sostegno a tali laboratori:
- pagamento degli affitti e parte delle spese di materie prime e manutenzione dei macchinari
- allestimento di uno showroom a Gaza City per l’esposizione e la vendita dei prodotti
- rimborsi per le spese di trasporto
- corso di formazione professionale per perfezionare le tecniche di sartoria
- consulenza sulle strategie di marketing, i canali di distribuzione per la vendita dei prodotti, l'organizzazione di eventi pubblici ed esposizioni dei prodotti.

 

Azioni sul documento