Tu sei qui: Portale Italiano Progetti ROOT - Un progetto di ricerca e azione per lo sradicamento della tratta
Strumenti personali

ROOT - Un progetto di ricerca e azione per lo sradicamento della tratta

Paese: Italia
Finanziatore: UNIONE EUROPEA
Data Inizio: SETTEMBRE 2013
Durata: 2 ANNI
Settore: FORMAZIONE, GENERE
Beneficiari: 40 RAPPRESENTANTI DELLE FORZE DELL’ORDINE, AUTORITÀ GIUDIZIARIE E OPERATORI PUBBLICI; 40 OPERATORI SOCIALI E SANITARI, EDUCATORI, MEDIATORI CULTURALI, RAPPRESENTANTI COMUNITÀ IMMIGRATE; 40 RAPPRESENTANTI DELLA SOCIETÀ CIVILE ORGANIZZATA E GIORNALISTI
Partner: CESIE – Centro Studi ed Iniziative Europeo; Associati: ASSOCIAZIONE IL PELLEGRINO DELLA TERRA, RANKIN ASSOCIATE (Regno Unito), Associazione NIGARS, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
In Corso: No

La tratta di esseri umani è un tema che investe il territorio siciliano e che è legato ai fenomeni migratori, al radicamento del crimine organizzato, alla violenza contro le donne, ai temi dello sviluppo, ai circoli viziosi innescati dalla povertà nei paesi di origine e ai meccanismi distorti della distribuzione di ricchezza. La tratta produce una violazione dei diritti umani, nei paesi di origine, di transito e di destinazione.
Il progetto si concentrerà in particolare sul fenomeno della tratta di giovani donne straniere legata allo sfruttamento sessuale nel mercato della prostituzione e si realizzerà in Italia, a Palermo, con l'obiettivo di preparare un progetto transnazionale diretto a sradicare la tratta in Sicilia, lavorando in una dimensione Europea.

Le attività previste:

- una ricerca con lo scopo di conoscere in modo più ampio il ruolo del crimine organizzato, internazionale e locale, quale fattore determinante di spinta e attrazione per le vittime della tratta legata allo sfruttamento sessuale

- una campagna di informazione e formazione sul tema della tratta rivolta alle comunità locali per prevenire il fenomeno

- incontri e workshop tecnici con operatori specializzati (rappresentanti delle forze dell’ordine, autorità giudiziarie, operatori pubblici, sociali e sanitari, educatori, mediatori culturali, rappresentanti delle comunità immigrate e della società civile organizzata, giornalisti)

- laboratori nelle scuole superiori presenti sul territorio con la creazione di kit didattici sul tema

- un gruppo di auto aiuto con giovani donne ex vittime di tratta

- una rete transnazionale tra soggetti pubblici e privati del territorio e dei paesi di transito e origine, con l’obiettivo di realizzare un costante monitoraggio del fenomeno e collaborare per il suo sradicamento.

Nell’ambito delle attività di ricerca si prevede di creare un gruppo sostenuto dalla società civile locale e supportato da esperti internazionali in materia, di realizzare interviste e produrre una raccolta di storie di vita, di elaborare una ricerca scientifica, che servirà anche da punto di partenza per produrre un documentario audiovisivo.

Le attività di rete a livello locale e internazionale porteranno alla costituzione di un osservatorio, alla definizione di una mappa transnazionale per identificare possibili collaborazioni tra diversi paesi da parte di istituzioni locali e della società civile e alla stesura di un piano di azione internazionale.

 

Azioni sul documento